n. 4 – maggio 2017

20. Maggio 2017 IN HOC SIGNO 0

Cari amici,
come sapete, quest’anno Alleanza Cattolica in Ferrara tratta il tema dei «centenari del ’17». Dopo il primo seminario dedicato ai 500 anni dall’inizio della rivoluzione luterana (1517-2017) e il secondo ai 300 anni dalla fondazione della massoneria moderna (1717-2017), abbiamo sabato scorso dedicato una giornata al centenario delle apparizioni della Madonna a Fatima. Dopo l’estate infine tratteremo di un altro centenario: quello della “rivoluzione di ottobre” che instaurò nel 1917 il regime comunista in Russia.
Ricordiamo che le registrazioni audio di tutti gli interventi sono disponibili in formato .mp3, gratuitamente e dietro semplice richiesta: agli abbonati al nostro servizio (anche questo è gratuito ed è sufficiente che ci venga comunicata la richiesta) verranno oggi stesso inviati i file relativi al seminario di sabato scorso «1917-2017: a 100 anni dalle apparizioni di Fatima. Il messaggio ai popoli e il messaggio alle anime».
Di questo seminario diamo qui un riassunto.

* * *

1917- 2017: a 100 anni dalle apparizioni di Fatima.
Il messaggio ai popoli e il messaggio alle anime

 

Sabato 6 maggio a Casa Bovelli, organizzato dalla Scuola di Educazione Civile di Alleanza Cattolica, si è tenuto un seminario di formazione sulle apparizioni di Fatima suddiviso in due interventi: Il messaggio ai popoli e Il messaggio alle anime.
Il professor Leonardo Gallotta, direttore della Scuola di Educazione Civile, ha in apertura descritto il programma della giornata ed ha fatto una presentazione del seminario trattando il tema Fatima e Alleanza Cattolica. Dopo aver ricordato la finalità prima della Scuola di Educazione Civile, cioè la formazione del civis christianus che deve essere dotato degli elementi di giudizio forniti dalla Dottrina Sociale della Chiesa per poter essere lievito nella vita della società, ha poi descritto l’approccio di Alleanza Cattolica, fin dalla sua nascita nei primissimi anni Settanta, ai messaggi di Fatima.
C’era stata da poco la Rivoluzione culturale del Sessantotto che per certi versi era penetrata anche in ambito ecclesiale e poiché la Madonna metteva in guardia dalla diffusione degli errori ad opera della Russia, si guardava con sospetto un messaggio “politico” propagandato in funzione anticomunista.
Il professor Gallotta ha poi ricordato che le profezie della Madonna di Fatima non sono mai state “fumose” e che si sono tutte verificate. Oggi è stato rivelato anche il terzo segreto e abbiamo capito tante cose. Ci fu l’attentato a Giovanni Paolo II nel 1981, proprio il 13 maggio e dopo la consacrazione del mondo – ivi compresa la Russia – del Papa in unione con tutti i vescovi, il comunismo sovietico è crollato.
È stata data poi la parola a Renato Cirelli che è partito da lontano, cioè da Covadonga, il villaggio delle Asturie che letteralmente significa “Grotta della Madonna”. Nel 722 la Vergine Maria apparve ai soldati del comandante Pelagio in una delle grotte vicino al villaggio dove l’armata si era radunata per passare la notte in preghiera dando loro conforto e coraggio. Il giorno dopo per la prima volta si ebbe la vittoria delle truppe cristiane – numericamente inferiori – contro i Mori che segnò l’inizio della Reconquista.
Da allora si susseguirono numerose apparizioni con richieste di consacrazione di intere nazioni, tra cui quella, mancata, della Francia al sacro Cuore di Gesù da parte di Luigi XIV. Per molti decenni fu così anche per la richiesta di consacrazione della Russia da parte della Madonna di Fatima fino alla salita di Giovanni Paolo II al soglio pontificio.
Il terzo segreto parla di persecuzioni e però il messaggio complessivo è di speranza: il suo Cuore Immacolato trionferà.
Dopo l’intervallo la parola è poi passata a Padre Massimiliano Degasperi F.I. che ha parlato del messaggio alle anime. Sostanzialmente, ha detto il relatore, sono tre i punti fondamentali da tenere presenti. Il primo è la richiesta di Riparazione per i peccati che producono sofferenza a Gesù. I pastorelli rispondono sì alla richiesta con preghiere – il Rosario in primis – sacrifici e penitenze. Il secondo è il problema della salvezza delle anime. Molti vanno all’inferno perché non c’è chi prega per loro. Terzo ed ultimo punto: la consacrazione al Cuore Immacolato di Maria che non vale solo per le nazioni, ma anche per i singoli che dovrebbero rispondere sì al suo appello con la prontezza con cui Ella rispose sì all’annuncio dell’Angelo.

* * *

Un cordiale saluto a tutti.
Ad maiorem Dei gloriam et socialem

Alleanza Cattolica in Ferrara


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *